Samsung Gear 360

Ormai è passato più di 1 anno dall'uscita di questa camera, ma nonostante ciò, essa continua a regalare grosse soddisfazioni.

 

Il design è bellissimo. È piccola, elegante, il bianco della scocca spezzato dalle lenti e da un rettangolo nero in alto è veramente molto bello da vedere.

La camera ha due sensori grandangolari da 15 MP. Ognuno copre un angolo di 185°. I sensori sono f/2.0 quindi le foto di notte non escono male, ma bisogna essere veramente immobili durante lo scatto oppure mettere la camera da qualche parte ed usare il controllo remoto.

Di lato c'è uno sportellino con guarnizione che protegge la batteria, la micro SD e la porta micro-USB. La camera è IP53, quindi può essere usata sotto la pioggia, ma non può essere immersa in acqua.

La Gear 360 è una delle pochissime camere a 360 ad avere la batteria estraibile. Quest'ultima è da 1350 mAh e basta per fare circa 100 minuti di video.

Ci sono 3 tasti :

1 - accensione/spegnimento/back

2 - cambio modalità/bluetooth/connessioni

3 - tasto di scatto/OK

 

Tutte le operazioni vengono assistite dai 3 LED e da un display. Ci sono 2 LED arancioni vicino alle lenti i quali indicano i sensori in uso. Il terzo LED si trova di lato, in mezzo ai tasti. Può essere :

blu - quando la camera si collega allo smartphone tramite bluetooth

arancione - durante la ricarica

verde - quando la camera è carica

blu-arancione-verde (intermittente) - durante il collegamento a Google Street View.

 

Il display è da 0.5" e mostra tutto ciò che stiamo facendo con la camera : modalità di scatto, impostazioni, connessioni, info sulla camera etc. È fondamentale nell'uso stand-alone in quanto, non potendo controllare le impostazioni con lo smartphone, si è sicuri di non sbagliare lo scatto.

La Samsung Gear 360 (2016) ha due microfoni, che fungono anche da prese d'aria. Purtroppo entrambi i microfoni sono sullo stesso lato ed il suono è mono. Da un lato c'è anche lo speaker per i suoni di scatto.

Può essere usata anche con una sola lente a nostra scelta. In quel caso avremo foto e video grandangolari. Foto con la dimensione 3072x1728, non modificabile. E video 2.7K a 30fps oppure FHD a 60fps. Questo tipo di visuale può essere usata nel caso si volesse usare la Gear 360 come action cam. Essendo IP 53, e quindi resistente alla pioggia e a polveri sottili, la si può usare al posto di un'action camera e metterla su un casco da motocross, downhill o qualsiasi attività che non prevede immersioni.

 

Quì di fianco potete vedere il video registrato in FHD a 60 fps.

Per quanto riguarda il 360, abbiamo foto a 7776x3888. Dimensioni non presenti neanche sulle camere a 360° del 2017. E la qualità si vede. Zoommando la foto si vedono i dettagli molto bene sia sul telefono che da PC. Ovviamente se si zoomma troppo, si vedranno i pixel, ma nessuna camera sfugge a questo e, vi ricordo, questa costa 90€.

 

Quì sotto vi propongo 3 foto scattate alla massima risoluzione senza filtri. Quindi impostazioni della camera automatiche, tra cui esposizione, bilanciamento del bianco, ISO etc.

I video possono avere la risoluzione massima di 3840x1920. Il 4K è il minimo indispensabile per avere una qualità video a 360° accettabile. Ci sono anche altre risoluzioni, ma l'unica degna di nota è la 2560x1280 in quanto è possibile registrare a 60 fps.

 

Non è il top del top, ovviamente. Ma teniamo sempre presente che è del 2016 e che costa 90€ in questo momento. Quindi non è male. Anzi, è un ottimo affare.

 

1 min di video pesa circa 450 MB.

Stitching.

 

La Samsung Gear 360 non stitcha direttamente i contenuti. Se, dopo aver scattato, aprite la micro SD, troverete i files con due sfere separate (ovvero le parti catturate da ciascun sensore). Infatti i contenuti devono essere stitchati dai softwares della Samsung.

Gear 360 Action Director per pc/MAC oppure Samsung Gear 360 per smartphones Samsung.

Action Director (Windows)

Action Director (MAC)

Lo stitching è molto buono, ma non perfetto. La linea di unione si vede un po', soprattutto se uno dei due sensori cattura molta più luce dell'altro. Ma nella maggior parte dei casi, la parte dello stitching è leggermente sfocata. Se ci sono diversi colori, se l'ambiente circostante è molto vario, lo stitching non sarà visibile. Purtroppo questa è una cosa che non verrà più corretta in quanto la camera si può dichiarare "vecchia". Ma con un po' di esperienza si potranno fare degli scatti davvero ottimi.

La Gear 360 può essere usata stand-alone oppure controllata tramite l'app Samsung Gear 360.

L'app è compatibile solo con alcuni degli ultimi devices Samsung (dal S6 in poi) e vi si collega tramite il bluetooth. Purtroppo. La distanza massima, in questo modo, è di soli 10 metri e questo se non ci sono ostacoli in mezzo.

 

Tramite l'app si può avere l'anteprima dello scatto, modificare le impostazioni (come la qualità, ISO, bilanciamento del bianco, esposizione etc), selezionare la modalità di scatto oppure vedere e trasferire i contenuti presenti sulla camera o sul dispositivo.

 

Il trasferimento dalla camera allo smartphone include la fase di stitching senza perdita di qualità, quindi dopo il trasferimento avremo, in una cartella dedicata, tutti i contenuti a 360° che potremo aprire anche con le altre apps.

Gear 360 (Play Store)

La camera viene venduta con un mini-treppiedi per poterla tenere comodamente e posarla da qualche parte. Svitandolo, troviamo l'attacco da 1/4" (l'attacco a vite standard dei cavalletti) il quale permette di mettere la camera su un treppiedi o su uno stick.

In verità questa camera può essere controllata da tutti gli smartphones con almeno Android 5.0 Marshmallow (Credo. Provato su LG G5 e su Honor 8 con Nougat). Per fare ciò serve l'app Google Street View.

Su Street View è possibile caricare una foto a 360° scattandola al momento, selezionandola dallo storage oppure collegando una camera a 360° per scattare la foto con quella. Quest'opzione permette di collegare anche la Gear 360.

 

E funziona su qualsiasi smartphone !

 

Tuttavia ci sono delle limitazioni.

In primis, l'assenza dell'anteprima. Purtroppo prima di scattare la foto è impossibile vedere ciò che vede la camera. E non ci sono neanche le modifiche come ISO, bilanciamento del bianco o esposizione e non si può scegliere la risoluzione (che sarà quella impostata in precedenza).

Una volta collegata la camera e scattata la foto, quest'ultima verrà salvata in una cartella sullo smartphone e sarà già stitchata. Quindi la si potrà usare a proprio piacimento, modificare o condividere.

 

Questa soluzione riguarda solamente le foto ! Per quanto riguarda i video, almeno per adesso, non ho trovato una soluzione.

DOWNLOAD APP

Considerazioni personali :

è inutile dire che la camera mi piace e che ne ho presa una per continuare a creare contenuti di qualtà un po' più alta del solito. Il prezzo è di meno di 90€ e per ciò che può fare questa camera sicuramente vale la pena comprarla. Anche se non si ha un device Samsung di ultima generazione. La camera può funzionare stand-alone, oppure usando Street View per le foto, o eventualmente si scatta e poi l'elaborazione dovrà essere fatta tramite il PC in quanto i software sono disponibili sia per Windows che per MAC OS.

Io consiglio sicuramente di comprarla. Eventualmente si può fare la restituzione gratuita entro 30 giorni.

 

Quì di seguito c'è il link per l'acquisto su Amazon.

Vi lascio anche il video recensione che ho fatto su YouTube ed il test a 360° in 4K, nel caso voleste vedere l'effettiva qualità della camera.

Questa camera va bene anche per creare i virtual tours di livello base ed aggiungere foto a Google Maps.

Quì di lato c'è il mio primo virtual tour !

© Copyright. All Rights Reserved.