Prima di cominciare, per gli interessati all'acquisto di questa camera ci sono due SCONTI :

1 - 99€/99$/800¥, per i miei follower, codice "yw2f0y9l" (senza virgolette) da inserire durante il Checkout;

2 - 250€ (EU) / 300$ (USA) / 2000¥ (China) per GSVTP/membri IVRPA.

Maggiori informazioni in fondo alla pagina !

Ho pensato molte cose su questa camera, per molto tempo. Dopo aver passato settimane con la Pilot Era, ancora non riuscivo a capire a dove puntasse questa camera, quale fosse l'idea dietro essa, ma poi ho capito.

La Pilot Era è la prima vera All-In-One 360 camera.

 

L'idea dietro questa camera è dare all'utenza un prodotto che fornisca un contenuto finito, pronto per essere condiviso, senza la necessità di editing con programmi/app di terze parti. Pilot Era, essendo fornita di uno schermo, non ha bisogno di essere connessa allo smartphone per avere l'anteprima live o per riguardare una foto appena scattata o un video appena registrato. Tutto può essere fatto in-camera, così come lo stitching e la condivisione su Google Street View. E questo permette di salvare un'infinità di tempo, che è attualmente quello che serve ai creators. E non ha bisogno neanche di essere connessa in Wi-Fi in quanto c'è la possibilità di inserire una sim 4G e rendere la camera indipendente anche in termini di connessione ad internet.

Ovviamente chi vuole può anche controllarla con lo smartphone, scaricare le foto e modificarle e così via. Ma allora non sarebbe diversa dalle varie camere a 360° presenti nel mercato.

Hmmm...In verità si. Questa camera scatta in 8K REALI. La risoluzione NATIVA delle foto è 8192x4096, e non 7680x3840 come le altre camere di questa fascia.

E in più è Google Maps Street View Ready. Ciò vuol dire che è possibile mappare un percorso e caricarlo su GSV direttamente dalla camera (o anche caricare una singola foto).

Vediamola meglio.

Confezione :

La camera viene spedita con un Hard Case a cerniera, molto buono e comodo da portare.

Pilot Era

Pilot Base - la Base è un gadget che va inserito sotto la camera e che aggiunge delle funzioni per quanto riguarda la connessione internet. Infatti è possibile inserire una sim card 4G affinchè la camera abbia una propria connessione 4G (quest'opzione permette di portare la camera ovunque) oppure è possibile collegare una cavo Ethernet (RJ45), ma ovviamente ci saranno i limiti del cavo connesso. Ovviamente c'è anche la porta USB Type-C per la ricarica. In basso possiamo vedere il meccanismo per avvitare la Base alla Pilot Era ed il foro per la vite da 1/4" che permette di avvitare la camera con la Base su un treppiedi ecc;

Alimentatore ;

Cavo da USB Type-C per ricarica e trasferimento files;

Panno in microfibra per la pulizia, spilletta per la rimozione dell'alloggiamento sim card.

Purtroppo manca una saccoccia morbida per coprire la camera senza posarla ogni volta nel case. Ma la PiSoftTech sta pensando di aggiungere una cover in gomma per proteggere le lenti in futuro.

Design

Pilot Era sembra un monolito con quattro facce di colore nero. È bellissima. La scocca sembra essere in plastica molto rigida, forse un anima in metallo ricoperta di un materiale plastico. Ognuna delle quattro facce ha un pannello in plastica lucido (e molto poco oleofobico quindi le improte digitali sono ben visibili), mentre gli angoli sono opachi (molto belli). Gli spigoli sono tutti smussati, questo dà alla camera una forma molto elegante e professionale.

Basandomi sull'immagine quì sopra

Le facce 1 e 3 sono uguali. In alto c'è il microfono, sotto di esso il sensore Sony da 1/2.3", poi una presa d'aria con il logo PiSoftTech, il tasto di scatto e, in basso, la scritta "Google Maps Street View ready".

La faccia 4, come le altre ha il microfono ed il sensore in alto, mentre in basso c'è il meccanismo di apertura perchè, in verità, la faccia 4 è uno sportellino che protegge la batteria estraibile.

La faccia 2, in fine, è la principale, direi. Come le altre, ha il microfono ed il sensore in alto, ma poi c'è un led di stato, lo schermo touch, il tasto ON/OFF/Home e lo speaker della camera.

In alto abbiamo un pannellino lucido con il logo PiSoftTech, mentre in basso c'è la porta USB Type-C e i buchi per avvitare la camera su un treppiedi (1/4") oppure sulla Base (in dotazione con la camera).

Foto

La Pilot Era scatta foto in 8K (8K veri, 8192x4096). Le foto vengono salvate in JPEG e, purtroppo, non c'è la modalità RAW. In compenso c'è l'HDR che scatta 3 foto con esposizioni diverse e le unisce schiarendo le ombre ed abbassando le luci alte (bracketing HDR).

I colori sono davvero buoni. La maggior parte degli scatti non ha bisogno di correzioni. L'unica cosa è che l'HDR è strong e di conseguenza le foto sono leggermente desaturate e sembrano sfumate, come se ci fosse un po' di foschia. Per il resto tutto ok.

C'è anche la modalità Pro che permette di personalizzare lo scatto. Per ora è possibile cambiare gli ISO, il valore di Esposizione (EV) e lo Stitching Reference (Indoor/Outdoor).

Gli ISO vanno da 100 a 800. Diciamo che non è il massimo. Personalmente avrei preferito da 50 a 1600, almeno. I valori di EV vanno da -4 a +4.

Per le foto è possibile attivare la Stability che effettuerà il livellamento delle foto anche se la camera non è perfettamente a livello.

Come default, è selezionato il Real-Time stitching, ma è possibile selezionare l'OpticalFlow stitching nelle impostazioni delle foto. (parlo dello stitching in una sezione a parte sotto)

Video

Questa camera ha due modalità di registrazione video : Stitched ed Unstitched.

Stitched : i video vengono stitchati direttamente durante la registrazione e sono pronti per la condivisione.

I video stitchati vengono registrati con le seguenti caratteristiche :

8K (7680x3840) 7fps

6K (5760x2880) 15fps

4K (3840x1920) 30fps

È possibile attivare la "Stability" per stabilizzare i video. La stabilizzazione è anti-rotate, per adesso, quindi quando si cammina c'è un po' di shaking, ma se si ruota la camera, il video rimane stabile e la visuale non ruota. Con i futuri updates, forse sarà implementata anche la stabilizzazione anti-shake.

Effettivamente, siccome la camera pesa 700g (+ eventuali attachments), non considererei la Pilot Era come camera da vlogging, ma se la si vuole mettere in uno zaino con un'asta, una stabilizzazione migliore sarebbe gradita.

Unstitched : i video vengono salvati separatamente e dovranno essere stitchati dopo in-camera.

Caratteristiche :

8K (7680x3840) 20fps

7K (7040x3520) 24fps

6K (5760x2880) 30fps

4K (3840x1920) 30fps

Per stitchare i video registrati con la unstitched mode, basta andare in Galleria e tappare sull'icona del puzzle. Si può fare solo 1 stitching alla volta e, per ora, non è possibile selezionare più video da mettere in coda.

Per i video non-stitchati, al momento, NON c'è la stabilizzazione.

Google Street View

La modalità GSV permette di registrare un video in 8K a 7fps con i geodata da caricare direttamente su Street View e creare un percorso direttamente con la camera stessa. GSV impiega 24/48h ad elaborare i files e crea la linea blu, visibile direttamente su Maps.

La cosa comoda è la possibilità di mettere in pausa l'upload in qualunque momento e riprenderlo in seguito SENZA RICOMINCIARE DA CAPO.

 

Al momento sembra esserci qualche problema durante la fase di upload su GSV (credo) perchè la qualità finale delle foto è ridotta, ma questo è stato riportato ai tecnici della PiSoftTech che stanno lavorando per trovare una soluzione. In teoria con il prossimo aggiornamento sarà tutto ok.

 

Il segnale GPS è quello standard (non GPS-A) e funziona veramente bene. Ci mette un po' a connettersi (come tutti i sistemi GPS di questo genere servono circa 60 secondi per triangolare la posizione), ma dopo essersi localizzato, il segnale ha la precisione di 1-2m. Onestamente pensavo che sarebbe stato peggio, ma controllando la sequenza su Google Maps con la vista satellite, le foto sono posizionate perfettamente.

Ovviamente questo sistema fa fatica se ci sono ostacoli (come edifici alti) nelle immediate vicinanze e, a volte, scatta senza dati GPS. Purtroppo, se si tratta di un video a 7fps, se la camera non ha dati sufficienti, non sarà possibile caricare il file su GSV. Ovvero, sarà possibile caricarlo, ma GSV lo rifiuterà per la mancanza dei dati GPS. Per questo motivo, la PiSoftTech dovrebbe permettere di selezionare il luogo su Maps in cui sono state scattate le foto manualmente, in uno dei prossimi updates.

Nel caso di un Virtual Tour interno, sarà possibile caricare tutte le foto singole direttamente dalla camera e poi sistemarle tramite l'app GSV.

Live Streaming

Pilot Era può effettuare il live streaming su diverse piattaforme (tra cui facebook e YouTube) con una risoluzione massima di 4K. È possibile scegliere la risoluzione alla quale streammare e anche il bitrate per ogni risoluzione. Ovviamente, per una maggiore qualità, durante i miei test ho streammato in 4K a 15mbps (che è il massimo disponibile).

La qualità dello streaming è buona. Direi che sembra un po' meglio di un video in 4K registrato con una camera della fascia consumer. La qualità audio è buona anche se manca la wind noise reduction. Lo stitching durante la live è buono se la camera è stabile. Durante i movimenti si nota qualche stitching line, ma dovrebbe migliorare con l'aggiunta della stabilizzazione anti-shake.

Quì in basso potete vedere la live test.

Per il momento è possibile controllare lo stato dello streaming solamente dalla camera. Questo vuol dire che tutte le impostazioni devono essere gestite dallo schermo della camera e non si possono vedere i viewers nè i commenti. Per avere questi dettagli è necessario seguire la live sulla piattaforma.

Tuttavia, in uno dei prossimi aggiornamenti, verrà aggiunta la possibilità di controllare il tutto dall'app sullo smartphone. Questo darà la possibilità di gestire la live stando distante dalla camera, il chè può rivelarsi utile in molte situazioni.

Stitching

Lo stitching è ottimo da 1.5m in poi. Gli oggetti più vicini molte volte vengono tagliati o deformati durante la fase di stitching, quindi durante il posizionamento della camera nelle aree così strette, è consigliato direzionare gli angoli della camera verso le aree "vuote" o neutre. Ma una volta abituati a questo, il resto va bene. Molto bene.

Lo stitching di Pilot Era va studiato. È diverso perchè va regolato in base all'ambiente in cui si scatta dato che ci sono 4 sensori e bisogna tenere conto di due fattori : Stitching Reference e Stitching Flow.

Stitching Reference è il riferimento di cui la camera tiene per effettuare lo stitching. Fondamentalmente si deve selezionare se si scatta all'interno o all'esterno, ma si può scegliere anche una via di mezzo (c'è una barra che permette di scegliere il riferimento adatto durante l'anteprima live). La Stitching Reference va controllata ogni volta che si cambia il luogo di scatto per prevenire effetti di ghosting. Per controllare la Stitching Reference basta andare su "Pro", in ogni modalità di scatto. Sarà possibile fare la regolazione direttamente live con lo schermo della camera.

Stitching Flow è la modalità di stitching delle foto e può essere Real-Time (per gli scatti all'esterno) o OpticalFlow (per gli scatti all'interno). Di default è impostato su Real-Time, ma la Pilot Era dà la possibilità di cambiare lo Stitching Flow IN QUALSIASI MOMENTO. In poche parole l'utente scatta la foto e questa viene stitchata con il Real-Time flow. Poi, dalla Galleria, è possibile guardare la foto e, se non si è soddisfatti dello stitching, si può cambiare da Real-Time a OpticalFlow (e viceversa). Eventualmente, si può anche tornare indietro in qualunque momento. Si può impostare l'OpticalFlow stitching come default nelle impostazioni delle foto.

Questa è una feature che personalmente ho apprezzato moltissimo in quanto permette di controllare gli scatti e decidere lo stitching migliore. Molte volte, lo stitching ottico può aiutare con gli errori di stitching sugli oggetti vicini.

Si possono selezionare più foto a cui cambiare lo Stitching Flow. Verranno elaborate una alla volta. Lo stitching delle foto, tuttavia può essere interrotto se si inizia lo stitching di un video, che ha la priorità su tutto. Ma nel caso di necessità, lo stitching di un video può essere messo in pausa e ripreso in seguito, anche se si spegne la camera e la si accende dopo. Le fasi di stitching vengono messe in pausa automaticamente quando se entra nella modalità di scatto/registrazione o quando la camera viene spenta.

Ok, prima di continuare con i dettagli tecnici, vi dico cosa ne penso di questa prima parte. La Pilot Era, all'inizio, non è una camera semplice da usare. È molto user-friendly nel processo di "insegnamento" all'uso di sè stessa. Nel senso che non è difficile imparare ad usarla, ma va lo stesso studiata. In primis la Stitching Reference. È un fattore a cui io personalmente non ero abituato, in quanto le camere della fascia consumer non hanno questo dettaglio, ma dopo qualche settimana di utilizzo mi ci sono quasi abituato. Semplicemente va controllato ogni volta che si cambia location. Molte volte, siccome ci sono 4 sensori e non 2, si sono verificati effetti di Ghosting perchè ho sbagliato la reference e non mettevo la camera in una posizione "migliore". Nel senso che sarebbe più utile mettere la camera con gli spigoli verso i punti "vuoti". Ma non sempre ci sono punti vuoti. Ci vuole pratica. Questa "regola" comunque non serve sempre in quanto lo stitching riesce a gestire le situazioni molto bene.

L'HDR secondo me è troppo forte e non va usato sempre. Normalmente scatto sempre in HDR, ma con questa camera, in molte situazioni, le impostazioni automatiche scattano ottime foto. L'HDR è consigliato in condizioni di bassa illuminazione perchè dà la possibilità di recuperare uno scatto che altrimenti sarebbe complicato da avere con l'editing. Quì in basso vi faccio vedere un esempio.

Siccome l'idea dietro Pilot Era è quella di ELIMINARE le fasi di editing, direi che la PiSoftTech ci sta riuscendo. Piano piano, aggiornamento dopo aggiornamento, questa camera sarà in grado di dare un prodotto finale che sarà solo da caricare online...usando la camera stessa. In realtà la Pilot Era è già in grado di dare un prodotto che non ha bisogno di editing, ma ogni tanto io personalmente fare qualche modifica. Per esempio il logo al Nadir che, a volte, non copre totalmente il cavalletto. Ma forse sarà possibile decidere la grandezza del logo con un futuro aggiornamento.

La comodità principale di questa camera è lo schermo touch con cui si possono effettuare tutte le operazioni. È inutile negarlo e, ovviamente, non si può ignorare perchè è comodo. Non sprechi la batteria dello smartphone per controllare la preview o per cambiare le impostazioni, il display permette di ricontrollare subito lo scatto appena fatto ed, eventualmente, cambiare lo stitching se non si è soddisfatti. Anche condividere direttamente la foto su GSV, se la camera è online.

Questa cosa può sembrare abbastanza banale o anche inutile agli occhi di chi non ha mai provato la Pilot Era, ma il fatto di poter controllare il tutto ed essere certi dello scatto è un vantaggio non indifferente che fa risparmiare TEMPO. E, come sappiamo tutti. il tempo è denaro. In più, la foto è già pronta per l'uso. Ma anche se per qualche motivo lo scatto non dovesse essere perfetto, grazie al display si impiega molto meno tempo per fare gli scatti e quindi il lavoro diminuisce.

E quindi parliamo del display e del resto.

Il display è LCD da 3.1" con la risoluzione 800x480 con touch screen capacitivo.

Il touch è sensibile e preciso. Mentre all'inizio ogni tanto capitava che mancasse un comando, dopo l'ultimo aggiornamento il funzionamento è perfetto. Ovviamente è multitouch e quindi è possibile zoommare e dezoommare le foto per vedere i dettagli.

Oltre a "Camera" e "Live", nel menu principale del display c'è "Galleria" ed "Impostazioni".

Galleria

Nella Galleria vengono mostrati tutti i contenuti presenti nella camera. L'ordine è cronologico, foto e video insieme.

Si possono aprire le foto e i video per vederli ed, eventualmente, cambiare lo Stitching Flow (delle foto). È possibile visualizzare i contenuti con diverse view modes (crystal ball, tinyplanet, equirettangolare etc), vedere le informazioni, caricare il contenuto su GSV (se ci sono i dati GPS) o eliminarlo. I video registrati con la modalità Unstitched, dovranno essere stitchati uno alla volta. Dalla Galleria è possibile selezionare più foto a cui cambiare lo Stitching Flow.

Impostazioni

Le Impostazioni di Pilot Era sono user friendly e molto intuitive. C'è un singolo menu diviso in 4 parti.

Connessione : WiFi, 4G, Ethernet e Hotspot. Le prime 3 sono abbastanza chiare. L'hotspot viene usato per creare una rete wifi che permetterà agli altri dispositivi di connettersi alla camera. Questo permette all'utente di controllare la camera attraverso lo smartphone, ma non solo. Se la camera è connessa ad internet (per esempio attraverso il 4G o con il cavo Ethernet), attraverso l'hotspot è possibile permettere ai dispositivi connessi di avere una connessione ad internet.

Impostazioni degli scatti : In verità questa parte è stata aggiunta di recente e c'è una sola voce, ovvero Bottom Logo. Essa permette di selezionare il logo che si vedrà in tutte le foto e in tutti i video sul Nadir. È possibile caricare un logo personale, usare quello del brand oppure lasciare il Nadir senza logo.

Impostazioni della camera :

Screen & Light - Luminosità del display, il timout del display che viene spento per risparmiare batteria ed il led.

Date & Time

Sound - Controllo del volume e suoni di scatto.

Language - Per ora solo inglese e cinese.

Storage - Permette di controllare la memoria disponibile/usata.

Energy Saver - Controllo della ventola interna per il raffreddamento della camera. Può essere sempre spenta, sempre accesa oppure automatica, che dipenderà dalla temperatura della camera. Ovviamente, avere la ventola accesa consuma batteria.

Impostazioni del sistema - System Update, Reset, About, Manual.

Ok..i dettagli tecnici finiscono quì.

Adesso parliamone liberamente. Pilot Era è una camera che punta ad eliminare l'editing e, devo ammetterlo, molte volte ci riesce. In primis c'è la comodità dello schermo. Devo ammetterlo, è estremamente comodo avere tutto subito sulla camera, tutto subito a portata di mano. Non serve collegare il telefono per avere l'anteprima. Semplicemente si accende la camera, si scelgono le impostazioni e si scatta. E gli scatti sono buoni. La maggior parte delle volte le impostazioni AUTOMATICHE della camera gestiscono le varie situazioni abbastanza bene. Si deve fare attenzione allo stitching, che è l'unica cosa a cui ci si deve abituare.

L'altro punto a favore è la memoria interna. La Pilot Era ha 500GB effettivi di memoria NON RIMOVIBILE e NON ESPANDIBILE. Ok, che sia non espandibile potrebbe essere un malus, ma personalmente ho scattato foto e registrato per settimane e non l'ho mai riempita. Ovviamente ogni tanto va svuotata, ma avere la memoria interna permette di non perdere mai niente e, soprattutto, NON BISOGNA COMPRARE MEMORY CARDS. Questo contiene la spesa finale. Anche di molto perchè per camere PRO level servono memory cards buone che, di conseguenza, costano abbastanza.

Se ce n'è bisogno, si può controllare la camera attraverso lo smartphone e basta essere connessi allo stesso WiFi. Non serve fare l'hotspot con la camera. Questo permette di avere sia la camera che lo smartphone online. Molto comodo.

La possibilità di cambiare lo stitching flow è molto utile. Se si verifica qualche effetto di ghosting o se ci sono errori di stitching, a volte è possibile salvare lo scatto cambiando lo stitching flow.

Ovviamente, però, ci sono delle mancanze. Nulla è perfetto, no ?

La camera ha l'HDR bracketing. Difetto ? No...non sempre. Per fare uno scatto HDR, la Pilot Era scatta 3 foto con diverse esposizioni e, se c'è del movimento durante gli scatti, questo provoca errori nella foto. Personalmente avrei fatto HDR software e HDR bracketing separati. Potremmo vederli nei prossimi aggiornamenti. Inoltre l'HDR è molto aggressivo per quanto riguarda i colori. Mentre le ombre e le luci vengono gestite molto bene, i colori perdono saturazione e contrasto. Non in modo eccessivo, però personalmente preferisco i colori automatici. Questo in condizioni di luce, perchè quando si tratta di low-light, l'HDR è l'unica soluzione per avere uno scatto ottimo, in quanto, per ora, non c'è la modalità notte.

E quì l'altro tassello mancante : le shooting modes. Mancano shooting modes come Time-Lapse, Long Exposure o Manual mode. Si possono gestire ISO ed EV, ma non il tempo di esposizione che sarebbe utile per gli scatti notturni. So comunque che il team di PiSoftTech ci sta lavorando quindi aspetto i prossimi aggiornamenti.

I video in 8K....ehm...boh. 20fps non mi fanno impazzire. Non per la qualità, perchè c'è qualità. Ma per la sincronizzazione audio-video che non c'è. Fondamentalmente ho usato l'8K per dei time-lapse, ma niente di più. Registro molto di più a 7K 24fps che comunque è ottimo.

Manca la stabilizzazione anti-shake, ma verrà aggiunta in uno dei prossimi aggiornamenti.

Finale

Va bene. Pilot Era va bene. È piccola, è comoda, leggera, portatile, autonoma. Fa risparmiare molto tempo e questo permette di lavorare velocemente ed ottenere ottimi risultati subito. Ma anche nel caso in cui qualcuno volesse fare editing avere un ottimo risultato in poco tempo è SEMPRE meglio.

Prezzo

Il prezzo della Pilot Era è di 2999€/2599$/19800¥. Nella pagina dell'acquisto ci sono i prezzi anche in altre valute.

Breve opinione sul prezzo : è buono. Secondo me ne vale la pena. È più basso rispetto alle altre camere Pro level, ma comunque non è una camera consumer. Il prezzo, oltre alla qualità dei contenuti, è giustificato soprattutto dal tempo impiegato per crearli in quanto viene praticamente eliminata la fase di editing e quindi c'è un risparmio di ORE di lavoro. Chi crea tour virtuali professionali sa quanto tempo è bisogna investire non solo nell'editing, ma anche nella fase di shooting (collegare il telefono per l'anteprima, scaricare la foto, controlalrla ecc). E Pilot Era semplicemente non ne ha bisogno.

E poi c'è lo sconto per i fotografi certificati Google e i membri di IVRPA. E c'è anche lo sconto con il mio codice, che ti farà risparmiare altri 99€/99$/800¥.

Dettagli quì in basso. Pagina dell'acquisto : Pilot Era

- sconto di 99€/99$/800¥ con il codice "yw2f0y9l" (senza le virgolette). Siccome sono una persona molto simpatica e, come per la maggior parte delle camere, cerco di farvi spendere di meno, il team di PiSoftTech mi ha dato questo codice sconto che è CUMULABILE con quello GSVTP/IVRPA (di seguito). Quindi se usate il codice "yw2f0y9l", potete avere anche lo sconto GSVTP/IVRPA.

- i FOTOGRAFI CERTIFICATI GOOGLE Street View e/o i membri di IVRPA hanno uno sconto di 250€ (EU) / 300$ (USA) / 2000¥ (China) per ogni camera. Lo sconto viene applicato sotto forma di RIMBORSO dopo l'acquisto della camera. Basterà inviare le varie informazioni all'email support@pisofttech.com.

Quì il messaggio del brand durante l'acquisto

"If you are a Google Street View Trusted Photographer or an IVRPA member, we are glad to offer $300 refund each Pilot as a discount. After payment, please send your order ID, Google Street View certification information or IVRPA membership information to our email support@pisofttech.com. We will refund $300 each Pilot to you after our staff verified your information."

Il video sarà aggiunto a breve -->

© Copyright. All Rights Reserved.